Il nuovo episodio di Webcomic Artists VS "I Stronzi"

Di tutto, di più

Moderatore: Consiglio direttivo

Il nuovo episodio di Webcomic Artists VS "I Stronzi"

Messaggiodi Cirunz » 27 giu 2012, 16:08

Internet sembra non stancarsi mai di deliziarci con storie di grossi, vecchi prepotenti d'altri tempi che vengono affrontati e devastati da disegnatori di web comics.
A partire da gente che ha sbattuto la testa su questo tante di quelle volte che alla fine ha imparato a guadagnarci, per arrivare al più recente Penny Arcade VS Paul Christoforo; ci sono miriadi di storie in cui qualcuno abituato a prendersela con questi nerdacchioni fessacchiotti si è trovato a prendere enormi, sonore, ma soprattutto catartiche bastonate di PR dal popolo di internet.

Stavolta è il caso di Charles Carreon, caso che a dirla tutta da come era partito era difficile che esplodesse a questo modo. Tutto è iniziato quando Matthew Inman, autore e fondatore di The OatMeal, ha chiesto ai suoi fan che cosa doveva fare con FunnyJunk, un sito che si limita a pubblicare vignette e altro presi in giro da internet, senza particolare menzione agli autori originali, e aveva già pubblicato parecchio materiale proveniente da Oatmeal stesso.
In realtà era una domanda retorica: Inman terminava il post dicendo che forse doveva operare un cease & desist, ma tutto sommato non avrebbe cambiato granché e quindi alla fine della giornata voleva solo esternare la sua irritazione:
I know that if FunnyJunk disappeared fifty other clones would pop up to take its place overnight, but I felt I had to say something about what they're doing.

FunnyJunk rispose con un messaggio in cui asseriva che The Oatmeal voleva fargli causa e incitando i suoi lettori (comunque parecchi, il sito è molto seguito) a dare addosso a The Oatmeal stesso.
E' interessante vedere come la legge di internet non risparmia nessuno, ma chi c'è abituato sa rispondere, infatti ai messaggi e agli insulti dei lettori di FunnyJunk Inman ha risposto non con minacce, non con campagne di vittimismo, ma col suo media preferito: un semplice sfottò.

La cosa sembrava finita li, se non fosse che un anno dopo scoppia la follia: Funnyjunk fa scrivere a The Oatmeal dall'avvocato Carreon, con una lettera in cui gli chiedeva 20000$ di danni e minacciava (ma non specificava) di procedere con un azione legale in caso contrario.
Come ha spiegato qualcuno più giù (SPOILER!!) è il tipico bullismo d'avvocati: ci prova, ti chiede i soldi e minaccia; se paghi bene, altrimenti non gli è costato molto e chiaramente NON procede con la causa visto che sarebbe smaccatamente in torto (visto che era The Oatmeal qui che aveva subito da FunnyJunk il furto di copywright, tipo ^^;;;; ).

Guess what? The Oatmeal (che in realtà poteva anche denunciarli per questo), ha risposto anche qui a modo suo, sfottendoli pubblicamente e avviando come risposta una campagna di raccolta fondi (Indiegogo è un altro KickStarter) per dare si 20000$, ma in beneficienza a National Wildlife Federation e American Cancer Society.
Inutile dirlo, l'iniziativa è stata un duplice successo: Prima di tutto perché la campagna in se ha raccolto non 20000 ma 220000$, tanto che Inman a un certo punto aveva deciso di donare i fondi non a 2 associazioni di beneficienza ma 4 (cosa su cui è dovuto tornare indietro perché altrimenti poteva fornire pallottole nella della particolare causa che Carreon gli ha intentato), e poi perché chiaramente nel frattempo, come abbiamo visto in passato, Internet ha raccolto la causa come propria...
Meme, insulti, finti account a nome di Charles Carreon su siti pornografici... insomma inutile che sto a dire, come al solito c'è qui il notiziario in tempo reale :D

A questo punto la situazione è precipitata per Carreon, principalmente perché ha messo da parte la saggezza e ha deciso di intraprendere una guerra privata. Chiariamo: parlo dell'avvocato, non di FunnyJunk: i responsabili del sito la saggezza ce l'hanno messa e si sono tolti di mezzo, ma l'avvocato non c'è voluto stare, e ha preferito mettersi in gioco direttamente, facendo causa a Matthew per "persecuzione e cyber terrorismo", e intraprendendo quella caduta libera di cui parlavo all'inizio.
Su Ars Technica c'è un bellissimo articolo che parla di come anche la moglie di Carreon si sia messa in campo dando il via, tra l'altro, ad una interessante battaglia di insulti creativi, a dichiarazioni come "faremo causa a tutti", e ad un commento su tutta la faccenda, da parte di uno degli utenti di Ars Technica, che invito tutti a leggere e inviterei anche a far studiare nelle facoltà di scienze dell'informazione e legge :)

E' cmq davvero interessante come Carreon e la moglie si considerino vittime dell'anarchia, affermando che è tipica dei fascisti :shock:

La morale di tutto questo? Ben due:
1) La solita: prima di rispondere in maniera seria allo sberleffo di qualcuno che scrive comicità su internet pensaci 10 volte.
2) Si sta diffondendo la BELLISSIMA moda di rispondere ad attacchi giudiziari insensati con campagne di beneficienza.
Immagine
Avatar utente
Cirunz
Signore dello Spam
 
Messaggi: 2085
Iscritto il: 25 ott 2007, 10:00
Località: Roma

Torna a La tana delle renne

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron