Ultimo libro letto

Non se ne leggono mai troppi!

Moderatore: Consiglio direttivo

Ultimo libro letto

Messaggiodi Llark » 21 nov 2007, 15:30

Sbaglio o c'era anche questo topic nel nostro vecchio forum?

E anche se non c'era mi pare sempre interessante :P

Ultimo libro letto: Beowulf

Trovato per caso mentre rovistavo nello scaffale delle poesie, l'ho comprato qualche tempo fa che neanche sapevo dell'imminente uscita del film.

Caruccio assai. La storia è semplice e lineare (anche se ci sono delle narrazioni interne di altre vicende che sono un po' difficili da seguire, ma si sopravvive), ciò che cattura è lo stile di scrittura. Adoro i kennings, le metafore tipiche di questa letteratura. Facendo qualche esempio, "giostra delle lame" per la battaglia, "avanzi di lime" per le spade, "gabbia dell'anima" per il corpo e così via. I guerrieri "ripopolano una perduta foresta di frassini" quando poggiano tutte le lance insieme, per dire una delle più riuscite.

C'è anche un certo sapore di divertita iperbole ed un minimo di umorismo, anche se è rimasta la mentalità nordica della decadenza che permea un po' tutti i canti. Beowulf poi è un eroe esagerato, quasi spaccone, talmente sicuro di sé che combatte a mani nude contro i mostri per non avere ingiusto vantaggio. Quando combatte contro il drago, al culmine dell'iperbole, la descrizione addirittura li appella entrambi come "mostri", tanto Beowulf è forte e fuori dall'ordinario.

Ottima lettura, insomma :)

Sto ancora leggendo i saggi che l'accompagnano, ma anche loro sono abbastanza interessanti.

Ciao ciao
Llark
"Come with me in the twilight
of a summer night for a while
tell me of a story
never ever told in the past"
Avatar utente
Llark
Site Admin
 
Messaggi: 4445
Iscritto il: 18 ott 2007, 7:45
Località: Roma

Re: Ultimo libro letto

Messaggiodi Gatto » 21 nov 2007, 17:34

Llark ha scritto:Sbaglio o c'era anche questo topic nel nostro vecchio forum?

E anche se non c'era mi pare sempre interessante :P

Ultimo libro letto: Beowulf



Io lo lessi tempo a dietro quando mia nonna cambio casa perchè rovistando nella libreria di mio nonno trovai un edizione del 70 che mi incuriosi molto, ma sinceramente non mi ricordo praticamente nulla del libro :shock:

L'ultimo mio libro è stato
"io sono un gatto" dello scrittore giapponese Soseki Natsume, uno scrittore molto famoso in Giappone tant'e che il suo ritratto è stato stampato sulle banconote da 1.000 yen emesse dal 1984 fino al 2004, anno in cui è stato poi sostituito da quello del batteriologo Hideyo Noguchi.

Il libro mi è stato regalato da una mia cara amica ma ammetto che non mi ha esaltato moltissimo, in alcuni punti e parecchio faticosa da leggere, cmq molto interessante per avere una visione della società giapponese agli inizi del 1900.

Il libro narra la storia di un gatto "Senza nome" che vive in casa di un professore senza arte ne parte.
Alla fine il vero protagonista di questo libro è il professore che atteggiandosi da persona colta si cimenta in imprese (poesie haikuil , tiro con l'arco, canti no) che dimostrano quanto in effetti sia una persona insignificante, degna rappresentante di una società in decadenza.
Durante le 510 pagini del libro ogni tanto fanno la loro apparzioni gli amici del professore che rappresentano i stereotipi di altri classi sociali del epoca.
Pecato principalemente per la lentezza dei racconti, penso che se fosse stato la metà forse avrei apprezzato di più il libro.

Essendo una lettua che non mi è piaciuto molto in alcuni momenti avrei voluto appellarmi al diritto del lettore di Pennac(*), ma per il fatto che era un regalo mi sembrava brutto non concludere la lettura.
Per riuscire a leggerlo tutto ho interrotto una volta la lettura e in quel periodo mi sono letto "Memoria delle mie puttane tristi" di García Márquez Gabriel che mi era stato regalo per il mio compleanno da un altra amica.

Quest'altro libro mi è piaciuto molto, forse soprattutto visto l'esiguita di pagine, o apprezzato di sicuro lo stile di scrittura veloce e scorrevole, caratteristica comune a tutti i libri di Márquez.

Durante la mia vacanza in Giappone mi ero portato la saga di "Ciclo di Earthsea" di Ursula K. Le Guin ma tra una cosa e l'latra non l'ho neanche iniziato. Avendo una decina di libri, in arretrato, da leggere in questi giorni sto ancora decidendo se iniziare questo o puntare a un libro più piccolo visto che fino a gennaio non prevedo di avere molto tempo da dedicare alla lettura.

Ola
AndyCat
(*)
"Diritti del lettore:
I. - Diritti imprescrittibili del lettore
I. - Il diritto di non leggere
II. - Il diritto di saltare le pagine
III. - Il diritto di non finire un libro
IV. - Il diritto di rileggere
V. - Il diritto di leggere qualsiasi cosa
VI. - Il diritto al bovarismo (malattia testualmente contagiosa)
VII. - Il diritto di leggere ovunque
VIII. - Il diritto di spizzicare
IX.- Il diritto di leggere a voce alta
X.- Il diritto di tacere"
“Come un romanzo” di Pennac
Ultima modifica di Gatto il 22 nov 2007, 19:15, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Gatto
Site Admin
 
Messaggi: 1574
Iscritto il: 17 ott 2007, 17:43
Località: Roma, ma momentaneamente senza casa :(

Re: Ultimo libro letto

Messaggiodi Myszka » 21 nov 2007, 20:35

Llark ha scritto:Sbaglio o c'era anche questo topic nel nostro vecchio forum?

Ultimo libro (certo che "ultimo" suona un po' terribile...) letto: Ehm... Matematica e cucina
Si', proprio cosi', di Enrico Giusti.

Prima di questo pero' ho letto Van Vogt - Le lenti del potere (fantascienza anni '50 e... si sente tutta la vecchiaia di questo libro).
Prima ancora... penso un romanzo storico, un giallo, intitolato La rosa del farmacista di Candace Robb.
Myszka
Signore dello Spam
 
Messaggi: 546
Iscritto il: 18 ott 2007, 9:59

Messaggiodi Gnottapan » 22 nov 2007, 19:10

Allora, ultimamente mi trovo a leggere soprattutto saggistica "storica" essendo la storia uno degli argomenti che ritengo più interessanti in assoluto, soprattutto da un punto di vista sociologico culturale e non da un insieme di date messe una dopo l'altra.. Come periodi spazio dal primo periodo classico per arrivare ai tardi anni 50...
Ultimi libri letti sull'argomento( ultimi 3 mesi ):
1)Ugo Enrico Paoli "Vita Romana" - Trattato sulle abitudini della Roma tardo repubblicana e inizio impero. Vengono esaminate molte cose .. dall'urbanistica alla religione, per passare alla giurisprudenza, abitudini alimentari (ammazza che schifo de robba che se magnaveno!! Il Garum.... bleah!!! :shock: ) vita di coppia, educazione etc... molto interessante....
2)Arrigo Petacco "L'armata nel Deserto" - Trattato sulla guerra degli Italiani in Africa nel '40.... istruttivo ma mi lascia un senso di tistezza.
3)Arrigo Petacco "La guerra degli Italiani" - Trattato sulla partecipazione Italiana nella IIGM .. MOLTO molto interessante, adoro Petacco perché effettua delle analisi approfondite e mai "ideologicizzate" criticando molto sia a destra che a sinistra in maniera obiettiva, cosa più unica che rara quando si parla di quel periodo...
4)Jean Pictet "La Grande storia degli Indiani d'America" Trattato in 2 libri sulla storia degli indiani (Nord, Centro e Sud america) dai tempi della scoperta fino ai gioni nostri...
5)Massimo Infante "Le belle navi che non tornarono" - Sulla Regia Marina sempre nella II GM.
6)Delia Guasco "Popoli Italici - L'Italia prima di Roma" - Libricino della GIUNTI che parla di ... beh... lo dice il titolo... ;)

Parlando di letteratura "ordinaria" invece, l'ultimo libro che ho letto è stato "Squadriglia Aerea" di Elleston Trevor, edizione del '66 comprato a 50 centesimi su di una bancarella, parla di una squadriglia inglese durante la battaglia d'inghilterra, non da un punto di vista dell'azione ma sotto l'ottica "psicologica", ogni capitolo si dedica ad un membro diverso della squadriglia che sia pilota, meccanico o ausiliaria... Interessante ma non mi ha troppo entusiasmato...

Molto interessante è stata invece la rilettura di Stephen Crane con "Il segno rosso del Coraggio" libro molto vecchio (si parla del periodo della guerra civile americana) dove il giovane protagonista affronta i propri demoni interni maturando nel volgere della storia ma, allo stesso tempo, perdendo parte della sua umanità. E' un libro che ha segnato la storia della letteratura Americana tant'è che lo stesso Hemingway riprese molti elementi di questo romanzo...

Parlando di Materie più "leggere" mi sono da poco riletto, e con estremo piacere nonostante l'età (del Libro), "I ribelli dei 50 Soli" di Alfred Elton Van Vogt. Fantascienza di altri tempi ma sempre godibile....

Ciauz
Gnotta'

"La marina Americana preferisce il Whiskey, quella Britannica il Brandy e quella Italiana il Porto!"
Arrigo Petacco "Le battaglie Navali nel Mediterraneo"
"Avremo reso sordo quel bastardo!"
"Quale Leopardo?"

Se piglio il furbacchione che mi ha fregato la ruota, glielo dò io il cerchio in lega! :evil:

Il mio Blog modellistico: http://gnotta.blogspot.com/
Avatar utente
Gnottapan
Rennina
 
Messaggi: 171
Iscritto il: 23 ott 2007, 13:07
Località: Una caverna dalle parti di Fiumicino

Messaggiodi Llark » 7 dic 2007, 13:08

Aggiornamento: ultimo libro letto, il secondo del Trono di Spade di Martin (a Song of Ice and Fire)

...
Ehi! Mi rendo conto solo ora che non abbiamo una tag spoiler! ^^

Vabbè.
Tenterò di regolarmi.

Martin è sicuramente un abile scrittore. Ma il secondo libro (in realtà il terzo e quarto italiano) mi è piaciuto di meno del primo. Non so... un po' una certa prolissità nello scrivere (soprattutto alcune parti su Bran e Dany, sembrano un po' tirate per le lunghe), un po' alcune soluzioni "magiche" che non mi attendevo e che un po' mi stonano.
('sta storia di Arya con quell'uomo lì voglio capirla meglio)
Cioè, il primo libro era quasi del tutto scevro da magia. Certo, c'erano elementi fantasy ed alcuni semplicemente inspiegati (la muraglia alta centinaia di metri, le stagioni pseudocasuali), ma adesso che la magia si sta risvegliando il "rischio" è che prenda il sopravvento sugli intrecci politici e sulle umane forze, che erano invece il punto focale del primo libro.

Ho riscontrato che è vero, comunque, che Martin ha sottolineato un pochino di più gli elementi sessuali nel secondo libro piuttosto che nel primo. In realtà a me la faccenda non stona (l'ambientazione è talmente realistica e cupa che ci mancherebbe altro), è che però certe volte effettivamente sembra concedersi troppo in descrizioni e dettagli tutto sommato non fondamentali. Comunque, non è un problema, è solo che l'avevo sentito tanto dire in giro :P

Ciao ciao
Llark
"Come with me in the twilight
of a summer night for a while
tell me of a story
never ever told in the past"
Avatar utente
Llark
Site Admin
 
Messaggi: 4445
Iscritto il: 18 ott 2007, 7:45
Località: Roma

Re: Ultimo libro letto

Messaggiodi Quirin » 7 dic 2007, 15:05

Myszka ha scritto:Ultimo libro (certo che "ultimo" suona un po' terribile...) letto: Ehm... Matematica e cucina
Si', proprio cosi', di Enrico Giusti.

[...]
Prima ancora... penso un romanzo storico, un giallo, intitolato La rosa del farmacista di Candace Robb.


Myszka mi potresti descrivere i libri da te citati?! Sono titoli che mi hanno incuriosito e su cui potrei fare un pensiero di leggerli tanto per uscire un pò dalla mia spirale di libri gialli e fantasy

Infatti attualmente stò leggendo la saga delle terre perdute di R.A. Salvatore, questo solo perchè ho trovato qualcuno che l'aveva e che me l'ha prestato. Ammetto che a me Drizzt stomaca un pochino in quanto troppo buono e troppo perfetto...vomitevole

Prima di cimentarmi in questa impresa per il mio stomaco ho letto un giallo di Maigret che mio nonno mi ha lasciato in eredità, non ricordo il titolo perchè è uno della quasi intera serie che stò metodicamente assimilando.

Risalendo ancora più su abbiamo il quinto libro delle cronache di lodoss, anche questo prestato

Più indietro ancora "lo spaventapasseri e il suo servitore" di Pullman che mi è piaciuto molto, anche questa volta non mi ha deluso.

Se volete posso ancora risalire più indietro, ma sono un pò banali tranne forse "Critica alla ragion criminale" letto questa estate più o meno.é un libro giallo che vuole riprendere la filosofia di Kant per la deduzione mischiandole un pò ai metodi di Sherlok Holmes. uno dei coprotagonisti è proprio Kant e per la maggio parte del libro ti fà anchye credere che possa essere lui l'assassino.La tira troppo per le lunghe ed infine ti propina un finale un pò scialbo, ma nel complessivo riesce ad avere un sufficiente come voto
signori, non vi risparmiate solo perchè sono una donna....perchè io non lo farò
Avatar utente
Quirin
 
Messaggi: 97
Iscritto il: 20 nov 2007, 14:41
Località: ostia

Messaggiodi Sinclair » 7 dic 2007, 22:33

Ok, queste le mie tre ultime letture:

1) I piccoli maestri, Luigi Meneghello - La cronaca (assolutamente antiretorica) di un gruppo di giovani partigiani veneti appartenenti al Partito d'Azione... alle volte vi ritroverete a morire dalle risate, alle volte vi ritroverete a piangere per i morti

2) I popoli di Tolkien, Paolo Paron - Un'interessante raccolta di brani tolkieniani riportati e catalogati in modo da formare un rapido prontuario etnografico della Terra di Mezzo

3) Il piccolo popopolo dei grandi magazzini, Terry Pratchett - Secondo alcuni non è il miglior Pratchett (quello della serie della Guardia Cittadina, per intenderci), ma è comunque molto godibile e divertente


Questi i libri attualmente in lettura:

1) La realtà in trasparenza, J.R.R. Tolkien - Le lettere di tutta una vita, per conoscere meglio l'autore, l'opera e l'uomo

2) Il medioevo e il fantastico, J.R.R. Tolkien - Una raccolta di suoi saggi sulla letteratura (compreso il famosissimo commento del Beowulf), la filologia e più in generale il suo "vizio" di creare mondi fantastici


Il prossimo libro da leggere:

1) Una storia romantica, Antonio Scurati - Forse sarà un terribile feulleton pseudostorico, ma una storia ambientata nelle Cinque Giornate di Milano e per di più un tentativo di grande romanzo non scioccamente intimista da parte di un italiano non può non incuriosirmi
Sinclair

aka Riccardo III
Il mio blog ludico.

Keep your faith in God... but keep your powder dry! - Oliver Cromwell
Avatar utente
Sinclair
Renna
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 23 ott 2007, 12:23
Località: Sulle colline del Torrino

Messaggiodi Thynguel » 10 dic 2007, 19:55

Io mi limito a dire gli ultimi 2 libri letti...

TErry Pratchett (come sbagliarsi 8) ) -

A hat full of sky... in realtà nella versione tedesca perchè è un regalo dalla Germania (Ein Hut voller Sterne) ... splendido... d'altronde, le streghe per me sono anche meglio della guardia...

Going postal... Moist von Lipwig e la posta... beh, altro nuovo personaggio spettacolare...

Ma prossimamente devo andare da fnac, sperando di trovare lì il seguito di going postal (Making money) e a hat full of sky (Wintersmith).

W Pratchett!!! :D
Ciao,
T
----------------------------------------------------
"E lei questo me lo chiama un radar?!?"
"No, signore. Lo chiamiamo... MR COFFEE"
Avatar utente
Thynguel
Rennina
 
Messaggi: 167
Iscritto il: 24 ott 2007, 18:58
Località: Roma

Messaggiodi Gatto » 11 dic 2007, 15:03

Thynguel ha scritto:
A hat full of sky... in realtà nella versione tedesca perchè è un regalo dalla Germania (Ein Hut voller Sterne) ... splendido... d'altronde, le streghe per me sono anche meglio della guardia...


Son curioso chissa se è uscito anche ita, temo di no o mi sbaglio?

Andrei Gattaiescku
Guardiano del Giorno
Avatar utente
Gatto
Site Admin
 
Messaggi: 1574
Iscritto il: 17 ott 2007, 17:43
Località: Roma, ma momentaneamente senza casa :(

Messaggiodi fumo indiretto » 11 dic 2007, 16:14

l'ultimo ma proprio ultimo libro letto è "la grammatica di Dio; storie di solitudine e allegria" di stefano Benni....non male non male veramente.
se mi fai mezze domande potrò solo darti mezze risposte
-------------------------------------------------------------------
Fletto i muscoli e sono nel vuoto! °O°
Avatar utente
fumo indiretto
 
Messaggi: 44
Iscritto il: 15 nov 2007, 23:05
Località: Roma

Re: Ultimo libro letto

Messaggiodi Myszka » 11 dic 2007, 17:35

Quirin ha scritto:
Myszka ha scritto:Ultimo libro (certo che "ultimo" suona un po' terribile...) letto: Ehm... Matematica e cucina
Si', proprio cosi', di Enrico Giusti.
[...]
Prima ancora... penso un romanzo storico, un giallo, intitolato La rosa del farmacista di Candace Robb.


Myszka mi potresti descrivere i libri da te citati?! Sono titoli che mi hanno incuriosito e su cui potrei fare un pensiero di leggerli tanto per uscire un pò dalla mia spirale di libri gialli e fantasy


Ma certo (e scusa per il ritardo).

Matematica e cucina in realta' l'ho interrotto perche' l'ho dimenticato al lavoro e non mi ricordo mai di riprenderlo. Comunque l'autore e' docente a Firenze e il libro tenta di sollevare un po' di interesse sulle cose come
- perche' ci si mette meno a pelare 2kg di patate grosse come sassi rispetto agli stessi 2kg di patatine novelle
- perche' si mette il coperchio sulla pentola dell'acqua della pasta
- perche' le scatolette dei pelati sono cilindriche
- cos'hanno in comune scaldabagni e radiatori
- perche' a parita' di peso il roastbeef ci mette di piu' a cuocere delle piccatine
- perche' aprendo un rubinetto il getto dell'acqua sembra diminuire di diametro verso il basso

eccetera eccetera

insomma risponde un po' alla domanda "ma la matematica avra' mai una applicazione pratica nella vita? nessuno verra' mai a chiedermi quanto fa 2x piu' 3x e allora perche' lo devo imparare?"

L'altro e' un giallo storico, ambientato a York nel 1300 circa. La parte storica e' molto interessante (io poi ci vado a nozze :)) ma come giallo m'e' parso un po' deludente.

L'autrice ne ha scritti, credo, cinque (o per lo meno ne sono stati tradotti cinque). Il protagonista e' Owen Archer, un ex soldato, ma il vero personaggio interessante e' lei: Lucie (io gia' sono un po' innamorato).

Quirin ha scritto:Infatti attualmente stò leggendo la saga delle terre perdute di R.A. Salvatore, questo solo perchè ho trovato qualcuno che l'aveva e che me l'ha prestato. Ammetto che a me Drizzt stomaca un pochino in quanto troppo buono e troppo perfetto...vomitevole

Urgh Salvatore non lo sopporto. Drizzt (i primi tre) non mi sono proprio dispiaciuti ma non sono riuscito a leggere una virgola in piu', di Salvatore.
Na, voto quattro. Il ragazzo neanche si impegna.

Quirin ha scritto:Prima di cimentarmi in questa impresa per il mio stomaco ho letto un giallo di Maigret che mio nonno mi ha lasciato in eredità, non ricordo il titolo perchè è uno della quasi intera serie che stò metodicamente assimilando.

Maigret lo adoro invece. Simenon non l'ho letto mai moltissimo ma mi piace molto la vecchia serie tv con Gino Cervi (che si chiamava Il Commissario Maigret, appunto). Nella serie le inchieste del commissario sono "traslate" negli anni '60 e cosi' e' anche un modo per vedere un po' di Parigi nei '60 :)

Quirin ha scritto:Se volete posso ancora risalire più indietro, ma sono un pò banali tranne forse "Critica alla ragion criminale" letto questa estate più o meno.é un libro giallo che vuole riprendere la filosofia di Kant per la deduzione mischiandole un pò ai metodi di Sherlok Holmes. uno dei coprotagonisti è proprio Kant e ...

Ho un romanzo (giallo, pure quello) in cui il protagonista e' Cartesio :)
Come dicevo prima, se ci si lega la storia, quella vera, ci vado a nozze. Ho fatto avventure di ruolo in cui si incontrano personaggi storici ed e' la cosa che preferisco (ogni tanto dei pazientissimi amici si sottopongono a questo supplizio :))

Ciao,
Myszka
Ultima modifica di Myszka il 11 dic 2007, 22:16, modificato 1 volta in totale.
Myszka
Signore dello Spam
 
Messaggi: 546
Iscritto il: 18 ott 2007, 9:59

Messaggiodi Llark » 11 dic 2007, 17:47

/me paziente amico!

(ricercatore russo in una cittadella della scienza comunista
Leon, anarchico al tempo della cessione di Cuba
uhm... per ora basta)

Ciao ciao
Llark
"Come with me in the twilight
of a summer night for a while
tell me of a story
never ever told in the past"
Avatar utente
Llark
Site Admin
 
Messaggi: 4445
Iscritto il: 18 ott 2007, 7:45
Località: Roma

Messaggiodi Myszka » 11 dic 2007, 22:26

Llark ha scritto:/me paziente amico!

Verissimo! :P

Llark ha scritto:(ricercatore russo in una cittadella della scienza comunista
Leon, anarchico al tempo della cessione di Cuba
uhm... per ora basta)

Il primo e' Vladimir Ilianovich "Vlad" Zipkin, il secondo Leon Czolgosz (un nome facilerrimo!) 8)
Myszka
Signore dello Spam
 
Messaggi: 546
Iscritto il: 18 ott 2007, 9:59

Messaggiodi Thynguel » 12 dic 2007, 12:55

Cheshirecat ha scritto:
Thynguel ha scritto:
A hat full of sky... in realtà nella versione tedesca perchè è un regalo dalla Germania (Ein Hut voller Sterne) ... splendido... d'altronde, le streghe per me sono anche meglio della guardia...


Son curioso chissa se è uscito anche ita, temo di no o mi sbaglio?


Temo di no, purtroppo le opere di Pratchett escono in italiano con VERGOGNOSA lentezza :?

L'ultimo uscito è STelle cadenti ... Ambientsto nella nuo0va città di Holy Wood :D

ma non ci sono ne streghe, ne guardie ne postino... quindi l'ho trovato un pò moscio :lol:

A parte glis cherzi: l'ho cominicato e l'ho trovato DAVVERO un pò moscio rispetto agli altri... ma persevererò ...
Ciao,
T
----------------------------------------------------
"E lei questo me lo chiama un radar?!?"
"No, signore. Lo chiamiamo... MR COFFEE"
Avatar utente
Thynguel
Rennina
 
Messaggi: 167
Iscritto il: 24 ott 2007, 18:58
Località: Roma

Messaggiodi Llark » 12 dic 2007, 20:11

Dio la Benedica, Dr. Kevorkian

Di Kurt Vonnegut.
Un libbriccino piccino picciò che racchiude venti mini-interviste da una pagina - una pagina e mezza.
Il succo è che Kurt, avendo scoperto grazie ad un incidente il tunnel che porta al Paradiso, fa ulteriori esperienze di quasi morte (grazie al dottore del titolo) per arrivare ad intervistare personaggi famosi ormai deceduti.

Scambia quandi un paio di chiacchiere con Asimov, Shakespeare, ovviamente Killgore Trout, ma anche persone meno conosciute incontrate per caso durante le sue passeggiate.

Carino, leggerissimo, con tante piccole idee e tante ironiche metafore della vita. Il solito ;)

Ciao ciao
Llark
"Come with me in the twilight
of a summer night for a while
tell me of a story
never ever told in the past"
Avatar utente
Llark
Site Admin
 
Messaggi: 4445
Iscritto il: 18 ott 2007, 7:45
Località: Roma

Prossimo

Torna a Libri e fumetti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron